interprete-da-remoto

L’interprete da remoto: più vantaggi o svantaggi?

L’emergenza Covid non ha risparmiato neanche l’interprete simultaneo, che si converte sempre più in interprete da remoto. Ma cosa significa concretamente? ❓

L’interprete simultaneo diventa interprete da remoto ?

Hai sempre pensato all’interprete simultaneo rinchiuso in cabina e intento a tradurre importanti discorsi a una platea di gente munita di cuffie plurilingue? Ebbene, dimenticalo e per un attimo pensa a un interprete da remoto chino davanti al computer della sua cameretta e sepolto da un arsenale di attrezzature e nuove tecnologie. Se la riconversione allo smart working è una svolta per molte categorie professionali, per gli interpreti questo implica conoscenze e, diciamolo, competenze aggiuntive. E allora sì che l’interprete simultaneo di cui tanto abbiamo sognato ai tempi dell’università, fine artigiano e conoscitore della lingua, diventa un factotum dalle insospettabili capacità.

  • L’interprete da remoto: chi è?

Vediamo nello specifico di cosa si tratta: per Remote Simultaneous Interpretation (RSI) si intende una condizione in cui oratore, pubblico e interprete sono dislocati in luoghi diversi; quest’ultimo lavora su una piattaforma online specifica che consente di far arrivare il messaggio su qualsiasi dispositivo elettronico degli uditori: pc, smartphone, tablet… Ovviamente, come avviene per l’interprete simultaneo “classico”, quello in presenza, anche l’interprete da remoto deve indossare delle cuffie ed essere in un ambiente completamente isolato. Ora, senza cadere subito nel pessimismo spesso associato all’interprete da remoto, esaminiamone prima gli aspetti negativi e poi quelli positivi:

  • L’interprete da remoto: aspetti negativi ?

L’attività dell’interprete simultaneo, giusto per ribadirtelo, è già di per sé estremamente faticosa e stressante: il carico cognitivo ed emotivo non sono da sottovalutare… in fondo devi essere pronto a qualsiasi “stravaganza” linguistica e paralinguistica dell’oratore e avere subito in testa un equivalente traduttivo adeguato. Se oltre a questo aggiungi quello che in gergo è chiamato “tecnostress”, cioè lo stress dovuto al fatto che la gestione dell’attrezzatura tecnica (pc, fili, connessione, audio, video…) diventa di tua competenza (eh no, il tecnico che ti risolve i problemi in cabina non sarà lì a risparmiarti l’arduo compito! ?), allora devi avere davvero i nervi saldi e prepararti a una qualunque evenienza che potrebbe inficiare, e non di poco, il tuo già complesso lavoro.

E nel malaugurato caso in cui si verifichi un blackout e si spegne tutto? Indovina, la responsabilità è sempre dell’interprete! O, perlomeno, il cliente non ne sarà molto contento. A proposito di responsabilità, il contenuto che l’interprete simultaneo traduce deve rimanere strettamente riservato: bisogna quindi accertarsi che non ci sia qualche orecchio indiscreto nei paraggi (no, neanche il gatto!), altrimenti la responsabilità… insomma, hai capito, no?! Ecco perché anche chiamare un tecnico esterno diventa rischioso da un punto di vista di riservatezza delle informazioni.

Altro aspetto negativo è sicuramente il fatto di non avere quasi mai il “compagno di cabina”, condizione che getta l’interprete da remoto in una condizione di solitudine estrema, appesantita anche dal non poter vedere le reazioni degli uditori e non ricevere dunque alcun tipo di feedback.

  • L’interprete da remoto: aspetti positivi ?

È ora di parlare però anche degli aspetti positivi… primo fra tutti il fatto di poter rimanere tranquilli a casa propria, il che è un notevole risparmio di tempo e di attrezzature “classiche” utilizzate dall’interprete simultaneo nella tradizionale cabina. Questo consente anche di abbassare un po’ le tariffe e non solo: le sessioni di lavoro durano meno anche per via delle tempistiche di controllo delle attrezzature tecniche.

I rischi sono inferiori in termini di costi e non solo: non è pur vero che la propria casa è il luogo più sicuro al mondo? ? E poi sai che stress doversi spostare da una parte all’altra, col rischio di arrivare in ritardo e non potersi accertare che tutto funzioni correttamente?! Almeno così, è vero che la responsabilità è dell’interprete da remoto, ma è anche vero che può studiarsi tutto nei minimi dettagli e prevedere se ci sono elementi da provare ed eventualmente aggiustare.

Del resto, il fatto di restare a casa significa pure poter accettare un numero maggiore di offerte lavorative ed essere facilmente disponibili per qualsiasi parte del mondo e in qualsiasi lingua. In questo modo, anche le combinazioni linguistiche più rare potranno trovare il loro spazio.

Inoltre, anche senza compagno di cabina, può comunque usufruire di tecnologie che lo aiutano quando traduce, come programmi ad hoc che registrano numeri, date e altri elementi fondamentali ma che potrebbero sfuggire alla memoria dell’interprete simultaneo.

Infine, gli interpreti sono solitamente amanti dell’ecologia: quindi, quale migliore occasione per ridurre l’inquinamento globale? ?

  • Consigli utili per i clienti che vogliono affidarsi a un interprete da remoto

?Caro cliente in cerca di un interprete da remoto, ci permettiamo di darti qualche dritta per scegliere un buon servizio e garantire un lavoro perfetto:

  1. Come accennato sopra, l’interprete ha una responsabilità legale per quanto attiene alla riservatezza di ciò che traduce. Data la delicatezza del compito, assicurati che l’interprete simultaneo sia una persona esperta e fidata.
  2. Fai in modo che l’oratore sia in un ambiente quanto più possibile isolato: evitare le interferenze è importante per una traduzione efficace!
  3. Fai in modo di avere un’attrezzatura tecnica molto buona: anche in questo caso è fondamentale per agevolare il lavoro dell’interprete da remoto!
  4. Cerca di affidare l’incarico a una coppia di interpreti, come avviene normalmente in cabina: sarà di enorme supporto qualora ci siano problemi tecnici e l’interprete simultaneo non lavorerà in completa solitudine.

 

  • Interprete da remoto: tiriamo le somme…

Quindi, giovane o aspirante interprete, sei pronto a lanciarti in questa nuova modalità di interpretariato? Al di là di tutte le difficoltà che comporta, se la risposta è no, considera che l’interprete da remoto è una modalità sviluppatasi già nell’era pre-Covid e in costante crescita. Chiamarsene fuori significa lasciarsi scappare numerose opportunità e rimanere esclusi dai mercati, ahinoi. È ovvio che bisogna farci il callo (ammetti pure che avevi scartato la traduzione per non dover restare incollato al computer per ore…), ma l’interpretariato da remoto è ormai una realtà entrata appieno tra le modalità di interpretariato. In conclusione, se la risposta è sì, allora preparati a una carriera ricca di sfide e responsabilità… ma anche di grandi opportunità e soddisfazioni!

 

L’autrice: Irene Perrone

Traduzioni-menu

La traduzione del menu: perché dovresti pensarci seriamente

Per chi opera nel settore food, la traduzione del menu può sembrare un passaggio accessorio e trascurabile, eppure non è così, soprattutto in questo 2020.

Il confinamento si allenta, la marcia verso il vaccino contro il Covid-19 prende piede, ricominciamo a uscire e i più fiduciosi hanno già preso aerei a medio raggio. Probabilmente nessuno di noi ricorda un periodo in cui poter andare al ristorante è stato tanto agognato, e gli operatori del settore HO.RE.CA, e del settore food in particolar modo, scalpitano.

Ogni ristorante si è dovuto attrezzare, tra sanificazione e distanziamento. I più previdenti hanno optato per la visualizzazione del menu tramite lettori di QR code per evitare il frequente passaggio di mani.

Perché non fare di necessità virtù e cogliere l’occasione per incaricare un traduttore del menu del ristorante in altre lingue? ??????

Perché è importante avere una buona traduzione del menu? ?

? Per correggere il tiro, o iniziare col piede giusto

Che la tua sia un’attività decennale o che tu decida di lanciarti nel settore food e aprire un ristorante, pizzeria, trattoria, non puoi esimerti dal prestare attenzione alle tendenze. Restyling della sala, cambio dei tovagliati, scelta di ingredienti a kilometro zero… e la comunicazione?

Un menu in una sola lingua può scavare un solco di incomunicabilità tra quello che hai da offrire e tanti potenziali clienti. Investire nella traduzione del menu e chiedere a un traduttore il menu in altre lingue si rivela una scelta vincente. Pensare che la traduzione del menu non serva, e trascurare questo aspetto, significa precludersi una fetta di successo. Soprattutto in un paese come l’Italia, con la sua forte vocazione al settore HO.RE.CA, e questo un traduttore lo sa.

? Chiarezza e praticità nella traduzione del menu

Il menu è innanzitutto un biglietto di presentazione per chiunque operi nel settore food. Contenuti chiari a chi sceglie il tuo ristorante mettono il cliente nella giusta disposizione d’animo. Dimostrano che chi offre il servizio ha a cuore il benessere del consumatore, tanto da sforzarsi di rendere comprensibile e familiare l’offerta.

Chi non sa cosa sia una brunoise di verdure potrebbe trovarsi in imbarazzo a fare domande, o finire col fare rapide ricerche sul telefonino. Insomma, una strada un po’ tortuosa quando vorrebbe solo sedersi e ordinare. Se però facendo una semplice scansione potesse scegliere la lingua desiderata non sarebbe un punto a favore del ristorante?

? Il vantaggio della traduzione del menu nel settore food è anche pratico: se la descrizione dei piatti di un ristorante è chiara, il personale di sala dovrà fare meno andirivieni tra i tavoli e la cucina per fugare con lo chef eventuali dubbi.

? Preservare l’importanza dell’esperienza

Abbiamo desiderato smodatamente uscire e viaggiare, e quando finalmente rimettiamo piede in un ristorante, siamo affamati di esperienze e carichi di aspettative. È un po’ come se si tornasse a conoscere con la bocca, come quando eravamo bambini di pochi mesi di vita.

Ogni ostacolo tra noi e l’assaporare (letteralmente) altri universi inficia l’esperienza, la percezione che rimarrà nel nostro ricordo, che porteremo con noi e che magari racconteremo in una recensione sul web.

Cosa vorresti che scrivessero i clienti del tuo ristorante? “Piatto buonissimo, ma ordinato a scatola chiusa perché il menu è incomprensibile”?

? Ritorno d’immagine del ristorante

Avremo pure TripAdvisor, ma per il settore food, e in generale per il settore HO.RE.CA, il passaparola rimane forse la strategia di fidelizzazione più efficace. Un cliente soddisfatto perché è riuscito a fare una scelta consapevole delle pietanze parlerà bene di te, anche all’estero! Una buona traduzione del menu non è solo bella e utile da leggere, è una coccola per il cliente.

Cosa fare se hai scelto di avere la traduzione del menu?❓

Hai scelto di incaricare un traduttore del menu del ristorante nella lingua (anche più di una!) che ti interessa? Quali sono gli aspetti a cui prestare attenzione e i passi da seguire?

? Evitare assolutamente che un traduttore automatico faccia la traduzione del menu

“Fishing ice cream” e “jumped rice” (per “gelato pesca” e “riso saltato”) sono solo un paio di esempi degli orrori traduttivi che popolano trattorie e ristoranti, ma la lista potrebbe allungarsi all’infinito. Il web è pieno di bestiari della traduzione automatica, e il settore food con la sua prolificità nella traduzione del menu fa decisamente la parte del leone.

È possibile che nella tua esperienza di utente tu abbia talvolta confrontato input e output (perché magari hai un’infarinatura della lingua di arrivo). E ti sia reso conto che il risultato era passabile. Avrai pensato: “allora funziona!”, e hai finito per usare un traduttore automatico per la traduzione del menu.

Il rischio di scivolone è sempre dietro l’angolo, anche nel settore food, se non c’è un attento monitoraggio del risultato, e questo, per fortuna, c’è chi lo fa di mestiere! Si chiama traduttore.

? Individuare una clientela di riferimento, quando possibile

Ricordiamoci che non bisogna per forza essere turisti. Non tutti gli stranieri che risiedono in un dato Paese hanno la stessa dimestichezza con la lingua locale, ma non sono gli unici a cui pensare.

Oltre alle sempre più frequenti e dichiarate allergie e intolleranze, ci sono persone che per motivi culturali scelgono di non consumare determinati ingredienti. Dare accesso a contenuti chiari è un gesto di apertura nei confronti di tutti, che sia nel settore food o altro.

Per tornare brevemente all’esperienza del viaggio, ricordati che c’è chi vive le esperienze culinarie come un’esigenza fisiologica. Se rispondi a un bisogno, il tuo cliente non può che esserne felice.

? Incaricare un traduttore del menu nella lingua che ti interessa

Nel momento in cui si decide di commissionare la traduzione del menu, la persona a cui affiderete l’incarico (traduttore indipendente o agenzia di traduzione) sarà ben lieta di ricevere delle dritte sulla clientela tipo del ristorante (se ce n’è una).

Se non hai in mente una clientela tipo, sentiti libero di spiegare al traduttore che menu vuoi: uno che specifichi i formati di pasta? Uno che sottolinei l’aspetto gourmet? Uno che mantenga intatti i termini della tradizione locale? Più sarai specifico, più il traduttore sarà sul pezzo.

Quali altri vantaggi ci sono nell’incaricare un traduttore del menu del tuo ristorante? ?

? Migliora l’interazione cliente-personale

Se scegli di avere informazioni immediate e descrizioni “parlanti”, nasceranno meno dubbi nel cliente, che di conseguenza sarà portato a fare meno domande. Questo ti permetterà di ottimizzare i tempi!

Ricorda che in molte culture è presente un forte senso della discrezione, per cui il cliente potrebbe trattenersi dal fare domande per non creare disturbo. Avere maggiore completezza di informazioni sul menu può essere d’aiuto.

Le soluzioni speech-to-text in cui il cliente parla al microfono dello smartphone e i contenuti vengono tradotti non sempre aiutano, perché il lavoro è svolto dal traduttore automatico, acerrimo nemico del settore food!

La traduzione del menu è il giusto completamento al layout che sceglierai

Il layout del menu dipende da te, ma non dimenticare di farlo presente al traduttore del menu che sceglierai. Se riesci ad avere una consulenza professionale sull’impaginazione sarà tanto di guadagnato! Anche nel settore food l’occhio vuole la sua parte. Vuoi inserire solo del testo? Testo e immagini? Inutile scendere nei dettagli della descrizione di una sette veli se avrai una carta dei dolci illustrata.

➡️ Presta attenzione al modo in cui inserire allergeni, icone per segnalare pasti vegani, vegetariani o senza glutine. Tutto questo può solo trarre vantaggio dalla consulenza di uno o più professionisti.

? Lavori nel settore food e non sai a chi rivolgerti per tradurre il menu del tuo ristorante? Mandaci una mail per un preventivo gratuito e senza impegno!

 

? L’autrice: Lucia Lo Conti, traduttrice, copywriter, appassionata di turismo, stagista presso l’agenzia Verbavox. Dopo aver conseguito la laurea magistrale in Interpretazione presso la SSLMIT di Forlì, ha maturato esperienza in diversi settori dell’offerta turistica, dal MICE al crocierismo, continuando a coltivare il suo interesse verso le tecnologie applicate alla traduzione e la transcreazione.

turismo-made-in-italy

Turismo Made in Italy

La traduzione in aiuto del Made in Italy ??

Nel mondo, ma soprattutto nel nostro Bel Paese, uno dei settori maggiormente colpiti dalla crisi sanitaria è purtroppo il turismo. Ora più che mai è quindi fondamentale pubblicizzare le nostre meraviglie Made in italy (cultura, arte, cucina, natura), per attirare sia i turisti nostrani che i turisti stranieri. Ma come fare? Uno strumento di promozione da non sottovalutare è sicuramente la traduzione, anzi, per essere più precisi, un tipo di traduzione che si chiama localizzazione.

Alcuni si chiederanno di sicuro di che cosa si tratta. Ebbene, la localizzazione è uno strumento utilissimo che consiste nell’adattare un prodotto, un dispositivo, un testo, un sito legato al turismo, per rimanere in tema, a seconda della cultura del paese parlante la lingua in cui si traduce. Si tratta quindi di tradurre il sito di un museo, un hotel o un’attrazione, adattandolo alla cultura del potenziale turista che legge.

La traduzione turistica

Questo tipo di traduzione, perché sia davvero efficace e aiuti concretamente il turismo del nostro Paese, deve essere affidata a traduttori estremamente competenti e in possesso di conoscenze dettagliate su tutto ciò che ruota intorno al turismo italiano: storia, cultura, arte, cibo, tempo libero…in una parola (anzi tre): Made in Italy.

Ma non solo! I traduttori, tedeschi se si rivolgono a un pubblico tedesco, americani se scrivono per una clientela statunitense ecc. devono, con uno stile informale e accattivante, attrarre i loro connazionali facendo leva su quegli elementi linguistici e culturali capaci di trasmettere l’atmosfera e la bellezza del luogo, in questo caso l’Italia, che pubblicizzano.

Quali sono i problemi della traduzione turistica??

Come tutte le traduzioni, anche la traduzione turistica pone dei problemi che non possono essere ignorati. Una traduzione localizzata erroneamente può produrre un’immagine negativa non soltanto della meta di vacanza di cui si parla, ma addirittura dell’intero Paese! È per questo che i traduttori devono imperativamente non solo conoscere i prodotti di cui parlano, ma soprattutto le norme socioculturali legate alla lingua e al pubblico d’arrivo.

?Tra le cose più difficili da tradurre in una lingua vi sono i realia, ossia tutte quelle parole che fanno parte esclusivamente di una determinata cultura e sono quindi, per così dire, intraducibili.

Per quanto riguarda la lingua italiana, i primi realia che mi vengono in mente riguardano sicuramente il re del Made in Italy, ossia il cibo. Tradurre il menu di un ristorante è quindi un’impresa più difficile di quanto non si pensi! Come tradurre in francese, per esempio, piatti tipici imprescindibili della cucina veneta come le sarde in saor o il baccalà matencato? O ancora, come spiegare in inglese la differenza tra le tagliatelle e i tagliolini?

Il Made in Italy è ricco di realia: pensiamo a delle abitudini tutte italiane come, per esempio, la merenda a metà pomeriggio o al concetto dell’apericena, così in voga negli ultimi anni. Come spiegarlo in cinese o in russo?

Un traduttore deve quindi trovare un modo per spiegare nella propria lingua e ai propri connazionali cibi, abitudini e concetti sconosciuti e, allo stesso tempo, renderli interessanti e affascinanti. Non è cosa da poco!

Come risolvere le difficoltà traduttive? ❓

 

Anche se il turismo Made in Italy riposa anche sulla bellezza delle città d’arte, sulla ricchezza dei musei, sullo splendore della natura, rimaniamo sul cibo e vediamo come fare fronte ad alcuni problemi traduttivi.

Ammettiamo di dover tradurre per un pubblico asiatico il sito di un qualsiasi ristorante italiano che ha come piatto forte gli “spaghetti allo scoglio”.

Quali sono le opzioni? Le possibilità sono diverse e spetta al traduttore, che conosce il pubblico di arrivo, scegliere quella più vantaggiosa per il cliente, in questo caso il ristorante. Potrebbe lasciare spaghetti dando per scontato che tutti sappiano di che cosa si tratti; potrebbe parlare di pasta, termine generico sicuramente noto a chiunque (anche se noi italiani sappiamo bene che gli spaghetti sono molto di più!); oppure potrebbe naturalizzarli, quindi adattarli alla cultura di arrivo, e parlare di noodles, una sorta di pasta lunga che sicuramente genererà un’immagine chiara nella mente del cliente asiatico che leggerà il menu.

Qual è l’opzione migliore? Dipende. Per questo è fondamentale che la traduzione turistica sia affidata a dei professionisti.

Rilancio Post-Covid del Made in Italy ?

Dato che testi localizzati correttamente, che siano siti di ristoranti, hotel, musei, guide turistiche, o banalmente pubblicità fatte ad hoc per incrementare il turismo, possono conferire crescita economica a una regione o a un Paese intero, traduciamo, traduciamo più che possiamo!

Che quegli agriturismi che fino ad oggi si sono rivolti soltanto a un turismo nazionale usino la traduzione per farsi conoscere e per far conoscere al mondo soprattutto il concetto di “agriturismo” che, ancora una volta, è così italiano! Gli spagnoli e i francesi, per esempio, parlano di “turismo rurale”, un termine che vuol dire tutto e niente. Spieghiamo quindi che cosa sono gli agriturismi, mostriamo foto di quei casolari toscani dove si possono assaggiare vini eccezionali e gustare prodotti non solo Made in Italy, ma fatti letteralmente in casa.

Che i musei traducano in più lingue possibili i loro siti e che sponsorizzino nei giornali, alla televisione, in tutte le reti sociali di cui il mondo dispone la magnificenza delle loro statue, dei loro dipinti, dei loro affreschi… Bisogna fare in modo, e la traduzione può permetterlo, che in Cina si parli della meravigliosa bellezza dei Bronzi di Riace del Museo di Reggio Calabria, che si traducano in arabo guide che raccontano di un’Italia nascosta, di borghi medievali e cittadine segrete in regioni meno note agli stranieri come l’Umbria, il Molise, l’Abruzzo.

Traduciamo quindi più che possiamo e facciamolo fare a traduttori professionisti che amano il nostro Paese e che sanno che cosa i loro connazionali vogliono vedere, scoprire e conoscere.

Rilanciamo l’Italia tramite la sponsorizzazione del turismo e la pubblicità di tutto ciò che è Made in Italy e facciamolo nelle testate giornalistiche straniere, in Internet, in Tv. Ma riscopriamola anche noi italiani, non solo in quest’anno difficile, ma anche in futuro!

 

L’autrice: Angela Gatto, studentessa di letteratura francese e aspirante traduttrice professionista, stagista presso Verbavox. Ha conseguito la laurea triennale e la laurea magistrale in Traduzione specializzata presso la SSLMIT di Trieste.

disney-translations

Empire DisneyPlus : quel rôle pour les traducteurs ?

DisneyPlus devient le nouveau dada de cette quarantaine ! 

Sortie récente d’il y a à peine quelques mois, la plateforme remporte un franc succès et compte déjà plus de 60 millions d’utilisateurs, bien plus des 50 millions l’année par an espérés par The Walt Disney Company
Un chiffre record, comparé avec celui de son « concurrent » direct, Netflix, qui à l’heure actuelle, et après 23 ans sur le marché, enregistre ‘seulement’ 167 millions d’utilisateurs. 

En tant qu’agence de traduction spécialisée dans le sous-titrage de supports audiovisuels, cela nous semble pertinent d’aborder aussi le phénomène Disney d’un point de vue traductologique et interculturel. Surtout, après avoir parlé dans notre précédent article du rôle clé que jouent les traducteurs travaillant pour Netflix. 

Par où commencer donc pour sous-titrer et doubler un Disney ? 

Les dessins animés sont parmi les contenus audiovisuels les plus insidieux car plusieurs aspects doivent être pris en considération au moment de la traduction, ce qui peut compliquer la tâche. 

Quelles sont donc les difficultés ? 

Il faut, comme toute traduction, que l’effet suscité par le rendu final soit équivalent à l’original. Ceci est particulièrement difficile car chaque scène et phrase doit être en ligne avec plusieurs autres éléments : la cohérence avec la globalité du produit audio-cultu-textuel, la cohérence avec les images et les expressions, le nombre de caractères et le son. Son qui demeure tout aussi important également en phase de sous-titrage et non seulement en phase de doublage, où il revêt un rôle capital.

Les chansons, quant à elles, mériteraient un deuxième article à part. Leurs paroles doivent, en effet, respecter une métrique et un nombre de caractères particuliers. Souvent, elles sont imprégnées de jeux de mots et de connotations essentielles pour définir le caractère des personnages ou laisser entendre certains aspects sous-jacents. 

Le traducteur doit donc garder à l’esprit que plusieurs types d’adaptations seront à prévoir. Qu’est-ce que cela signifie concrètement ? 

Voici quelques exemples de points d’attention : 

  • Adaptation linguistique : registre de langue, jeux de mots, métaphores, paroles des chansons 
  • Adaptation culturelle : images, références, noms des personnages
  • Adaptation audiovisuelle : nombre de caractères, métrique, synchronisation des sous-titres et des voix doublées. 
  • Adaptation phonique (uniquement pour le doublage) : prononciation, accent, intonation, synchronisation labiale.

Quels sont donc les risques pouvant s’écouler d’une mauvaise adaptation ? 

Produit de la globalisation, cette plateforme étant conçue pour développer une sorte de démocratie culturelle, il est ainsi nécessaire que les traductions et les voix soient adaptées au public cible et à leur imaginaire culturel. 

Un exemple frappant d’adaptation pourrait être Mulan dans les versions américaine et chinoise. Le récit très axé sur les hommes en VO, laisse sa place dans la version chinoise à un récit orienté famille, beaucoup plus cohérent d’un point de vue culturel. Pourquoi plus adapté donc ? Car la Chine essaie depuis plus de 50 ans de promouvoir l’égalité des genres. 

The Walt Disney Company a été tachée maintes fois par le passé de relayer des représentations culturelles débouchant sur les stéréotypes, mais  toujours est-il que le traducteur dans ce contexte atypique n’est plus seulement un simple passeur de sens. Il devient à bon escient un médiateur culturel, un passeur de valeurs interculturelles. 

Il y a quelques jours j’ai regardé le nouveau film d’Aladdin et sa version en dessin animé et je me suis interrogée sur quelque chose que je n’avais jamais remarqué jusqu’à aujourd’hui. La VO de la célèbre chanson « A whole New World » est magnifique et émotionnellement frappante, alors que la traduction italienne parle de possession. Le titre de la chanson en italien étant, en effet, « Il Mondo è Mio », littéralement « Le Monde est à moi », il m’appartient.

En considérant que Jasmine est une princesse, cela sonne assez arrogant et prétentieux venant de la bouche d’une privilégiée. La chanson en VO par contre est un véritable hymne à l’amour, peut-être même le duo le plus romantique de tous les temps. Et c’est certainement un aspect qui manque dans l’italien où une dimension plus spirituelle de l’amour est remplacée par un sentiment plus concret de propriété, voire de domination. Est-ce que cela est correct culturellement ? Les italiens se sentiraient-ils des dominateurs ou seraient-ils attachés à la notion de possession ? D’après nous, cette traduction, au delà de l’aspect purement traductologique de l’histoire, est incorrecte aussi sur le plan culturel. 

Cet exemple montre donc à quel point une mauvaise adaptation pourrait entraîner un rejet culturel catégorique du même produit filmique. 

Que pensez-vous de cette plateforme et plus généralement de la façon dont les produits Disney, Marvel, etc, sont adaptés ? Avez-vous des exemples à partager qui auraient marqué votre esprit ? Vous pourriez peut-être aimer aussi notre article sur l’importance des traducteurs travaillant pour Netflix !

netflix-translator

How Netflix translators are shaping future generations

How Netflix translators are shaping future generations

 

It’s thanks to translators that you can enjoy your favourite movie or series, in your own tongue or while hearing the original voices.

State-of-the-art subtitles are short and effective, and are a helpful tool to understanding cultural references.

Subtitlers must in fact help the subtitle-reading public by clarifying, where necessary, cultural terms or references.

Adapting culture, a.k.a. localisation, is one of the steps of translation. This target-oriented approach is always in the back of the mind of a translator. Subtitles need to be fresh, sparkling and young: keep in mind 18-24-year olds are Netflix’s main subscribers. 

With its original and ever new contents, Netflix has an essential role on the cultural references and thinking of a whole generation. A huge privilege, but just as much a huge responsibility.

It has become THE platform where cultural awareness, diversity and cultural intelligence are being raised and nurtured. A place where (moderate?) critical thinking, internalized homophobia, sexuality spectrum and discrimination based on race and disability are being addressed and discussed.

Netflix is helping to overthrow societal tropes, and to educate on intercultural sensitivity and understanding of so-called misfits. They are showing us that different is the new cool. How cool is that?

I am talking about ? Sex Education, an educational series, where a lot of sex-related conditions, also taboos, and “tutorials” are embedded into a fun series, showing watchers it is ok to be different than the “accepted norm”.

What about ? Stranger Things, where nerdiness is depicted as useful and life-saving?

I am not a binge-watcher myself, so I am surely omitting loads of examples, but you got the idea.

With these key series, and with the transnational public they get, it is especially important that every linguistic version is adapted for its audience, meaning the understanding of contents needs to be eased by translations.

Don’t forget Altered Carbon, which shows us a future where different cultures are so embedded in national culture that everyone speaks (or at least curses?) in several languages.

With transnational cinema, there is hope for the mentality of future generations to stop hating and discriminating, provided they achieve intercultural understanding.

 

Next time you are on your daybreak netflix, we hope you’ll think about the work behind subtitles!

P.S.: In this article, we only talked about subbing, not dubbing. Thiat was on purpose, since it’s another kind of translation, that requires a whole different method!

➡️ Share if you are a translator and if you agree!

smart-working

Come sopravvivere allo Smart Working

Come sopravvivere allo Smart Working 

Quando non se ne ha l’abitudine

La Covid-19, una vera e propria guerra stando all’opinione dei più, sta mettendo a dura prova non solo la nostra salute e l’economia mondiale, ma anche e soprattutto i nostri nervi che a volte rischiano… di non essere più così saldi come vorremmo!

È la prima volta che il tuo capo ti lascia lavorare da casa. All’inizio pensavi fosse uno spasso: lavorare in pigiama dal letto o dal divano di casa, niente trucco e parrucco, calzettoni della nonna, pausa pranzo a casa in famiglia. Una pacchia. Un giorno, due, tre… e poi… Ma come, hai già cambiato idea? Ti mancano i colleghi e lavori mille ore in più rispetto a prima? 

Niente panico, da brave traduttrici incallite quali siamo, abbiamo conosciuto il lavoro da remoto tanti tanti anni fa e ci siamo abituate a questo strano concetto ormai definito ‘lavoro agile’. I vantaggi sono tanti se, come noi, si impara a conoscere meglio e a fare amicizia con questa modalità lavorativa. Ecco per te, una mini-guida1 

Come creare un ambiente di lavoro propizio per continuare a lavorare da casa? 

  • Organizza una postazione di lavoro 

 

Sì, il divano è bellissimo ma riesci davvero a concentrarti e a mantenere una postura corretta senza distruggerti schiena, spalle e cervicale? 

Non è necessario avere l’ufficio del secolo con un tavolo 7×7 e 7 schermi. Bastano un angolino del tavolo o di una cassettiera o un tavolo pieghevole da giardino o da picnic o ancora una semplice asse di legno e una sedia. 

A Parigi, gli standard abitativi in termini di superfici sono molto ridotti, ti promettiamo che non serve strafare! 

L’ideale sarebbe equipaggiarsi di un secondo schermo, come al lavoro. Qualora non fosse possibile, meglio usare solo il PC. Evita un secondo schermo di dimensioni troppo sproporzionate rispetto al primo, stancheresti troppo la vista.

Tieni la testa leggermente più alta rispetto allo schermo del PC e il collo sempre rilassato e dritto. Non lavorare con la testa inclinata da un lato, altrimenti a fine giornata sentirai che zucchero! Tieni i gomiti saldamente appoggiati sulla scrivania o sui braccioli della sedia, in modo da non sforzare spalle e collo.

  • Crea una vera routine di lavoro 

Inizia la giornata come se il Coronavirus non esistesse e come se quella fosse una giornata qualunque: doccia, colazione, una buona sessione di 7-10 minuti di stretching o di yoga e via, siamo pronti per iniziare una bella giornata davanti al pc! 

 

 

 

 

  • Concediti delle pause, proprio come al lavoro

Fare tutta una tirata per cercare di ridurre le ore ed essere più efficace ed efficiente non è sempre la soluzione giusta. 

Usa anche tu la “la tecnica del pomodoro”, una delle strategie di gestione del tempo più semplici che possano esistere. 

Le regole del gioco sono davvero a prova di bambino: imposta un timer ogni 25 minuti e finché non suona la sveglia, VIETATO distrarsi! 

 

Regalati 5 minuti di pausa e approfittane per fare una chiacchierata, una carezza al tuo compagno/a o ai tuoi figli/animali domestici, uscire sul balcone a stendere i panni, fare un micro-spuntino o ascoltare una canzone… Le idee sono infinite! 

Concediti una pausa di 15-20 minuti ogni 4 “pomodori”. Prova anche tu e dicci come ti trovi, a noi questo metodo ha letteralmente cambiato la vita! 

 

  • Non sparire dai radar. Mantieni una buona comunicazione con le tue squadre e con i tuoi colleghi 

Una comunicazione regolare, specialmente in tempi di crisi, è essenziale per un corretto svolgimento delle mansioni e per una migliore coordinazione del lavoro. 

Questo non significa essere sempre attaccati al cellulare o alla propria posta elettronica ma nemmeno darsi a un prolungato silenzio stampa. Per lavorare bene da casa, è necessario imparare a relativizzare e organizzare le priorità per ordine di importanza. 

 

  • Usa gli strumenti giusti.

 

Vogliamo condividere con te alcuni dei nostri strumenti preferiti, CONSIGLIATISSIMI!

  1. Trello: uno strumento di project management con grafiche e altri elementi visuali che permette di creare bacheche in cui pianificare e gestire la ripartizione dei compiti con tutto il team. Noi lo usiamo anche per il nostro calendario editoriale! 
  2. Slack: uno strumento di messaggistica istantanea efficacissimo e stra utilizzato in ambito aziendale per ovviare alle millanta fastidiosissime e-mail interne e relative notifiche. Da poco, tra l’altro, è ormai possibile integrare Slack a Trello per coordinarsi ancora meglio con le proprie squadre. 
  3. Calendly: un valido sistema per programmare riunioni, appuntamenti, interviste ed evitare quei lunghi e barbosi scambi di mail.
  4. Harvest: come controllare il lavoro svolto? Semplice, Harvest è uno strumento affidabilissimo di monitoraggio del tempo che può essere integrato anche a Trello.
  5. 1password: se anche te fai fatica a ricordare i fantamilioni di password tra lavoro, vita privata e hobby vari… 1password ti salverà la vita! Affidabile, facile da usare e con una memoria IMPRESSIONANTE! Utilissimo da usare in remoto ma anche per quando tornerai a lavorare in ufficio. 

 

  • Non dimenticare il rapporto umano con i colleghi 

 

Sei solito/a lavorare con un team affiatato e senti profondamente la mancanza dei tuoi colleghi? Perché non organizzare un aperitivo tutti insieme in videoconferenza? O una sessione online di Taboo alla quale far partecipare anche le rispettive famiglie? Un’idea banale ma simpatica per rimanere in contatto anche con il lato “umano” del nostro lavoro, quello che ci motiva ogni giorno quando ci svegliamo! 

 

 

 

 

  • E la sera? SPORT!

Anche se sei la pigrizia fatta persona, dopo un’intera giornata impalato a una sedia, avrai pur voglia di sgranchirti un attimo! 

Dato che il jogging all’aperto è momentaneamente VIETATO, vi proponiamo alcuni semplici esercizi da fare in casa. Ne approfittiamo per ribadirti di STARE A CASA, qualora gli spot televisivi e i continui appelli su ogni mezzo di comunicazione esistente non bastassero.

Ma io non ho un tappetino. NON CI PROVARE nemmeno a rifilarci questa scusa antica come il mondo, con noi decisamente non attacca! Scommettiamo che avrai almeno almeno un asciugamano in casa quindi… forza e coraggio! 

Abbiamo selezionato per te alcuni dei nostri video preferiti: 

 

Ok, ti senti pronto/a per affrontare quest’ultimo (speriamo) mese di quarantena? Il lavoro da casa finora ha più PRO o più CONTRO secondo te? 

Dicci che ne pensi e se nel frattempo hai altri consigli o strumenti utili da condividere con noi, lasciaci un commento! Siamo curiose di sapere come ti sei attrezzato/a in questo periodo o, se sei un freelancer, di conoscere la tua routine 🙂 

L’autrice: Ilaria Menchini, traduttrice, interprete e presidente dell’agenzia di traduzioni Verbavox Translations.

Dopo aver conseguito la laurea triennale presso la SSLMIT di Forlì, ha conseguito una laurea magistrale in: traduzione e comunicazione interculturale presso l’ISIT di Parigi e linguistica e traduzione alla Sorbona, oltre a due master in traduzione e interpretazione di conferenza presso il SSIT di Pescara. Specializzata in traduzione marketing, tecnica e B2B.

Regali-di-natale-per-traduttori

Natale: idee regalo per traduttori e interpreti

Anche tu hai un/a figlio/a, amico/a, cugino/a, nipote linguista? Gente difficile, vero? Non sai mai cosa regalare e ogni anno a Natale parte il panico da shopping!

Basta stress, quest’anno arriviamo noi in soccorso! Eccoti dunque svelati i desideri proibiti di ogni traduttore e interprete. Per un natale all’insegna dell’utilità!

LINFA VITALE

The o caffè che sia, ogni linguista degno di questo nome avrà sicuramente una dipendenza da almeno una di queste due sostanze. Per voi, un paio di regali originali e graditissimi.

  • Per i coffee lover, 100 punti per questa meravigliosa, geniale, comodissima macchinetta per espresso portatile e semplicissima da usare. Un vero salvavita, specialmente per gli interpreti. Ingombro ridotto, massima efficacia, compatibile con tantissimi tipi di capsule. VERO MUST HAVE! Successone A S S I C U R A T O! Dove comprarla? QUI      

  • Per i tea addict, un assortimento squisito e originale di tè. I the bio del marchio “English Tea Shop” sono stati una grandissima scoperta per noi, LI ADORIAMO! Ci sono tantissimi cofanetti stra carini e con sapori particolari. Questo è il nostro preferito.

 

GLI ATTREZZI DEL MESTIERE

  • Tavolino per PC pieghevole e portatile. Vero alleato di ogni digital nomad che si rispetti, il tavolino pieghevole è probabilmente LO strumento per eccellenza per organizzare la propria attività. Linguisti in erba e veterani del mestiere, tutti bramano ardentemente questo piccolo ma preziosissimo strumento. Vuoi soddisfare questo desiderio recondito? Clicca QUI.

  • Tastiera wireless ergonomica per un maggiore confort di scrittura e un minor affaticamento della mano: questa o questa.

  • Mouse ergonomico per un minore affaticamento del polso e per mantenere una corretta posizione degli arti riducendo l’insorgenza di tunnel carpale: questo o questo.

E non è ancora finita… La lista è molto più lunga di così!

 

E ORA… QUALCHE REGALO UTILE MA SIMPATICO!

 

Un delizioso e allegro scaldapiedi di peluche per lavorare al calduccio e con buonumore anche durante il più gelido degli inverni!

Una t-shirt umoristica, con il motto più famoso e ambito di ogni singolo freelance, ispirata allo stile di una nota marca di abbigliamento: disponibile qui.

 

 

 

 

Conosci bene i ferri del mestiere e pensi che nella nostra lista manchi qualcosa di speciale senza il/la quale non potresti vivere nella tua attività professionale o che brami ardentemente? Condividi con noi e con i nostri lettori la tua lista dei desideri. Chissà che qualcuno dei tuoi cari non sia connesso e stia leggendo proprio questo articolo!

 

 

traducteur-anglais-usa

J’ai vécu aux USA = Je suis bilingue: N’IMPORTE QUOI !

Bonjour et bien retrouvé(e)s ! Aujourd’hui j’aimerais vous sensibiliser sur un sujet qui me chagrine depuis le début de mes études de traduction et interprétation de conférence : les gens qui croient pouvoir être des traducteurs après avoir vécu quelques mois à l’étranger

 

Aller, soyons honnêt(e)s ! Vous pensez vraiment que l’on puisse maîtriser toutes les nuances et les technicités d’une langue et de son vocabulaire juste en séjournant à l’autre coin de la planète ? 

 

J’aimerais vous sensibiliser sur le fait que la traduction est un véritable métier avec des règles, des prérequis et un savoir-faire bien spécifique qu’il est impossible d’improviser du jour au lendemain !

Qu’est ce que cela veut dire d’être traducteur et / ou interprète ?

Travailler en tant que traducteur ou interprète exige une connaissance approfondie, presque parfaite, d’une ou plusieurs langues étrangères, ainsi que la capacité d’en comprendre les nuances et de savoir se servir de chacune d’entre elles. C’est aussi connaître parfaitement les techniques d’interprétation et maîtriser l’utilisation de logiciels de traduction, comme les outils de TAO. 

Mais c’est un très très long voyage ; il faut vraiment travailler dur pour atteindre un haut niveau de connaissances linguistiques. La simple connaissance de quelques rudiments de la langue est tout sauf que suffisante pour penser pouvoir “arrondir ses fins de mois” avec la traduction. 

Vous êtes président ou responsable commercial d’une société ?

Méfiez-vous des plateformes qui vous vendent des services de traduction rapides et à faible coût. Ne laissez pas votre image de marque à des traducteurs ou interprètes amateurs ! Les dommages collatéraux peuvent être conséquents et parfois sans solution ! 

Ce n’est pas un hasard, par ailleurs, si tous les professionnels s’accordent sur ce point : le traducteur professionnel traduit d’une ou plusieurs langues étrangères vers sa / ses propre(s) langue maternelles

Pourquoi ? Car pour travailler indistinctement dans plusieurs sens avec plusieurs langues, le traducteur doit maîtriser non seulement la langue, mais aussi l’univers de cette langue. Construire un pont entre deux mondes en y transférant toutes les nuances n’est pas si évident ! Il est inconcevable de pouvoir travailler vers des langues autres que sa propre langue maternelle. 

Et il y a bien plus encore : malgré ce que la plupart des gens pensent, la traduction et l’interprétation sont deux métiers différents. ET OUI !

Donc si vous êtes un globetrotteur(euse) et que vous revenez tout juste de votre expérience à l’étranger, ne vous improvisez pas. Il suffit d’une seule erreur pour nuire à jamais à la réputation d’une marque, empêcher à votre meilleur(e) ami(e) d’intégrer l’université de ses rêves, faire rater un gros contrat à cette entreprise qui vous a appelé car les investisseurs américains venaient à Paris pour entamer une collaboration. 

Si l’un de ces métiers vous passionne, à votre retour réfléchissez plutôt à comment vous spécialiser et écrivez-nous pour avoir des conseils sur les différents parcours de formation qui ouvrent la voie à ces professions. 

Je vous laisse regarder cette petite vidéo en anglais d’un extrait de film que j’adore : 

https://www.youtube.com/watch?v=XY66ZJ0TFUI

Êtes-vous d’accord avec nos observations ?

Partagez-nous !

L’auteure : Ilaria Menchini, traductrice, interprète et présidente de l’agence de traduction Verbavox Translations.

Après une licence en médiation linguistique interculturelle au Département d’Interprétation et de Traduction de Bologne, siège de Forlì, elle a obtenu un master en communication interculturelle et traduction à l’ISIT et en industrie de la langue et traduction à la Sorbonne, ainsi que deux masters en traduction et interprétation du SSIT à Pescara. Spécialisée dans le marketing, dans la traduction technique et B2B. 

traduzioni-marketing-errori-da-evitare

Le 1001 insidie delle traduzioni marketing

Sono mesi che vuoi lanciare il tuo brand oltralpe e perché no, anche oltreoceano. E ora, hai deciso di dare il via a questa avventura fantastica e irta di ostacoli. 

Per iniziare con il piede giusto, vorrei chiederti: hai pensato a tradurre e adattare tutto il materiale marketing?

 

Come, prego? Pensavi di usare Google Traduttore? Sul serio? ANCHE NO.

Perché no? Perché le traduzioni marketing nascondono tante insidie. Ricorda sempre che è dal materiale marketing dipende la reputazione del tuo brand; checché se ne dica, le prime impressioni contano eccome

Ti faccio un esempio pratico. Ti hanno parlato di questo nuovo prodotto americano super hi-tech per il controllo intelligente della tua casa e vorresti troppo acquistarlo. Trovi un prospetto commerciale online e inizi a leggerlo: errori di ortografia, frasi sconclusionate, referenze culturali sconosciute per un italiano, esempi non in linea con le normative italiane e molto altro. 

Dimmi la verità, quanta fiducia ti dà un brand che non è nemmeno stato capace di localizzare correttamente il proprio prospetto? Quanta voglia hai ancora di acquistare il prodotto? Io probabilmente non l’avrei più acquistato, non avrei dato nemmeno un briciolo di fiducia al brand. 

Per non bruciarti subito la fiducia dei tuoi clienti o potenziali tali, di seguito 5 consigli per te e il racconto di qualche GIGA EPIC FAIL per convincerti più in fretta a investire in un servizio professionale. 

 

Attenzione al nome del tuo prodotto o servizio!!!!!!!

 

Hai pensato a cosa potrebbe significare il nome commerciale del tuo prodotto in un’altra lingua? Ti sei accertat* di evitare imbarazzanti critiche una volta che il tuo prodotto approderà nel mercato target? Che intendo…? Gerber, per esempio, noto marchio americano di alimenti per lo svezzamento dei neonati, sbarcò in Francia e in Québec senza verificare il nome del marchio… Sai che significa il verbo “gerber” in francese? VOMITARE…! Quale genitore comprerebbe per il proprio figlio un omogeneizzato dal nome così invitante?

 

Mantieni le distanze da Google Traduttore, l’assassino del tuo brand

 

In nessun modo, mondo e tempo, la traduzione automatica sarà in grado di lavorare autonomamente su dei testi. Dovrà sempre affidarsi a dati pre-integrati, siano essi memorie di traduzione o regole grammaticali, ma in nessun caso riuscirà a risolvere da sola i nodi e le specificità dei testi marketing conservandone le sfumature. 

Scegliere Google Traduttore significa cadere nelle insidie delle traduzioni marketing e dire addio a giochi di parole e metafore, differenze culturali e ritmo. Totalmente inutile. Specialmente in considerazione del fatto che adattare una traduzione al contesto culturale del paese target è DECISAMENTE una strategia vincente. Lo hanno capito bene e a caro prezzo i team di Orange, operatore telefonico francese che decise di approdare in Irlanda del Nord con lo slogan “The future’s bright…the future’s Orange’” senza minimamente considerare il peso culturale, sociale e politico che questa traduzione letterale avrebbe comportato. Immediatamente associato all' »Orange Order », un irlandese avrebbe letto lo slogan più o meno così: « Il futuro è luminoso… il futuro appartiene ai lealisti protestanti ». Ecco qua. 

Eppure… non sei ancora convinto*. Bene, continuiamo!

 

MAI optare per una “semplice” traduzione letterale

 

Dovresti dunque aver dedotto che ASSOLUTAMENTE una traduzione letterale NON è una buona idea per il tuo business. I tuoi testi marketing hanno bisogno di essere localizzati, ovvero culturalmente adattati. 

Ok, aggiungiamo un altro pezzettino al puzzle. E se volessi mantenere non solo lo stesso tono frizzante e ritmo ma anche localizzare immagini, grafiche e impaginazioni per evitare scivoloni interculturali? A quel punto, non hai bisogno di un traduttore ma di un TRANSCREATORE. No, non è una parolaccia. La transcreazione consiste nell’analisi del tuo brand, in una ricerca approfondita sul mercato target grazie all’aiuto di madrelingua e al conseguente adattamento della tua identità di marca in base alla cultura di destinazione. 

 

 

Affida le tue traduzioni a un unico fornitore

 

Un altro consiglio è quello di affidare la localizzazione dei tuoi contenuti marketing allo stesso fornitore. Perché? Perché il tuo fornitore conosce le insidie che questo tipo di testi nascondono, avrà comunicato con te riguardo la tua strategia e i tuoi obiettivi e riportato le informazioni salienti al suo team di localizzatori. Concretamente, significa accertarsi che tutti i contenuti vengano localizzati con la stessa identica accezione, che la terminologia impiegata sia sempre coesa e coerente da un documento all’altro grazie all’uso di memorie di traduzione. Risparmierai tempo preziosissimo, denaro e ti garantirai una qualità finale impeccabile. 

 

Comunica ai localizzatori il pubblico target e il tuo obiettivo

 

Un ultimo punto in parte già affrontato riguarda l’importanza capitale di essere sempre disponibile e in contatto con il proprio fornitore o direttamente con i localizzatori per sciogliere ogni eventuale dubbio e precisare sempre la direzione da seguire. 

 

Sono riuscita a convincerti? 

Lasciaci un commento o scrivici via e-mail per discutere al riguardo! 

E se trovi che questo articolo sia interessante e utile per amici/colleghi, condividilo! 

Per chiedere un preventivo, compila il form qui sotto: 

Job Application

Please fill in the following fields

20%

About You

Which are you working languages? (min. 1)

Upload your CV / Resume

Maximum size 10MB. PDF, DOC, TXT only please


 

Maximum size 10MB. JPB, JPEG, PNG only please

How would you like to be contacted?


L’autrice: Ilaria Menchini, traduttrice, interprete e presidente dell’agenzia di traduzioni Verbavox Translations.

Dopo aver conseguito la laurea triennale presso la SSLMIT di Forlì, ha conseguito una laurea magistrale in: traduzione e comunicazione interculturale presso l’ISIT di Parigi e linguistica e traduzione alla Sorbona, oltre a due master in traduzione e interpretazione presso il SSIT di Pescara. Specializzata in traduzione marketing, tecnica e B2B. 

agence-de-traduction-vs

Agences VS indépendants : comment choisir ?

Chaque entreprise est tôt ou tard confrontée à cette question : vaut-il mieux travailler avec des freelances ou avec une agence ?

Dans cet article nous essayons de faire un comparatif des avantages et des inconvénients de ces deux options.

Pourquoi travailler avec une agence ?

La valeur ajoutée d’une agence est sans aucun doute le fait qu’il s’agit d’une solution      « clés en main ». L’aspect attractif pour les entreprises est en effet la possibilisé d’externaliser la gestion de projets, par exemple dans le cadre d’une internationalisation (avec la traduction d’un site web et de toute la communication) à un fournisseur habitué à gérer des projets multilingues impliquant plusieurs intervenants de langues différentes. Une agence garde une vue d’ensemble sur le projet et y apporte son expérience.

Une agence est un intermédiaire unique avec qui échanger, qui regroupe toutes les directives du client pour chaque projet. L’agence se charge de trouver les intervenants (traducteurs, rédacteurs, relecteurs, etc.) qualifiés pour le projet, qui respectent la déontologie propre au métier, et respecte elle-même des critères de qualité et surtout fait vérifier la traduction par une deuxième personne (le réviseur).

Côté prix, les agences proposent des tarifs préétablis, concurrentiels, ce qui diminue le risque de recevoir des devis différents de ceux de la concurrence.

Pourquoi choisir un freelance ?

Les avantages apportés par les freelances sont eux aussi considérables :

Un freelance est un professionnel qui travaille pour son propre compte et qui est donc en première ligne. Cela veut dire qu’il fera toujours son maximum pour fournir un travail plus que satisfaisant.

Il aura tendance à être plus flexible et réactif. Utile si un projet est urgent.

 

Une entreprise pourra établir un rapport professionnel direct dans la durée, ce qui lui permettra de connaître de mieux en mieux les besoins de votre entreprise.

Pourquoi ne pas travailler avec une agence ?

Certaines agences peu scrupuleuses et dont le cœur de métier n’est pas la traduction sélectionnent des sous-traitants non qualifiés, souvent pour augmenter leur marge en baissant la rémunération de ces freelances.

Pourquoi ne pas choisir un freelance ?

Un freelance n’est pas à même de gérer un projet multilingue : la plupart des traducteurs freelance sont microentrepreneurs et ne peuvent donc pas sous-traiter.

Quoi qu’il en soit, renseignez-vous sur votre prochain fournisseur !

Dans les deux cas, il est toujours important de se renseigner sur qui est le fournisseur avec lequel vous souhaitez travailler : procédure de sélection des sous-traitants, expérience, diplômes d’études dans le secteur.

 

Qui êtes-vous, pour écrire tout cela ?

Nous sommes Verbavox Translations, une agence qui est née de la volonté de se démarquer des agences de traduction traditionnelles.

Comment ?

 Par une approche humaine (avec nos sous-traitants) et transparente (avec nos clients).

 

 Par des critères de qualité et de respect de la déontologie.

 

 Par notre réactivité et notre flexibilité.

 

 

Après des expériences en agence mais aussi plusieurs années passées à travailler en tant qu’indépendantes, nous avons décidé d’ouvrir notre propre agence de traduction.

Notre objectif ? Apporter notre expertise à chaque client, en conjuguant les avantages des agences et des freelances, et en éliminant les faiblesses des uns et des autres.

Êtes-vous d’accord avec nos observations ?

Partagez-nous !

L’auteure : Marion Costanza Mandro, traductrice et directrice-générale de l’agence de traductions Verbavox Translations.

Après avoir obtenu une licence en médiation linguistique interculturelle au Département d’Interprétation et de Traduction de Bologne, elle a obtenu un master en traduction technique, économique et éditoriale à l’E.S.I.T. de Paris. Elle est spécialisée en traduction technique et B2B.